EDIPO RE
di Sofocle

«Solo il tempo rivela l'uomo giusto; il malvagio, invece, lo riconosci in un giorno solo.»

Si ringrazia per il sostegno:​ Arild Vefling, Andrea Troiani, Daniela Manetti, Marina Pozzoni, Rosaria Pozzoni

e tutti i soci e amici che preferiscono rimanere anonimi.

Come in tutte le tragedie, anche nell’ Edipo Re di Sofocle il protagonista è l’eroe tragico, l’uomo solo che gioca un’impossibile scommessa contro il destino, affrontandolo nel modo più nobile possibile, senza indietreggiare nemmeno davanti alla difficoltà estrema quale è per Edipo il riconoscimento di se stesso quale responsabile delle nefandezze che –come sovrano di Tebe- si è impegnato a scoprire e punire.

 

Edipo Re, definita da Aristotele nella Poetica “la tragedia perfetta” rappresenta un modello drammaturgico di grande successo ed effetto, contenendo gli archetipi del teatro di ogni tempo, grazie alla concatenazione di eventi che costruiscono la complicazione tragica in un crescendo di suspence che anticipa la struttura del nostro dramma poliziesco, il ritmo delle scene, il linguaggio metaforico che fornisce allo spettatore il sottotesto necessario a comprendere il senso sottile e sfuggente della tragedia, i caratteri dei protagonisti scolpiti grazie a parole che li cesellano come pietre, forti temi antropologicamente universali come la drammaticità di una pestilenza di cui si cercano le cause che immancabilmente si scoprono consistere in una colpa umana, come l’impossibilità di ‘conoscere’ la verità attraverso i propri sensi e i ragionamenti, a cui corrisponde però l’attrazione fatale del ‘vero’ che l’eroe Edipo cerca al di sopra di tutto e non ultime le ambigue sottigliezze dell’ironia tragica.

 

La nuova produzione di Kerkís affronta sperimentalmente un allestimento con tre soli attori per gli episodi, secondo l’uso antico di età classica, dove l’illusione scenica permetteva al protagonista, deuteragonista e tritagonista loro d’impersonare più ruoli.

Lo spettacolo assume così un alto valore di studio e di rivalutazione della tradizione antica. Per mezzo di soluzioni sperimentali e raffinate tecniche performative proprie della recitazione contemporanea, l’Edipo Re di Kerkís intende rispettare l’arcaicità del mito e del testo, ma al tempo stesso avvicinare questo capolavoro dell’antichità classica alla nostra sensibilità contemporanea grazie alla resa scenica.

Direzione drammaturgica: Elisabetta Matelli

Regia: Christian Poggioni

Con: Simone Mauri, Giulia Quercioli, Stefano Rovelli

Produzione: KERKÍS. Teatro Antico In Scena

SCARICA LA SCHEDA TECNICA DELLO SPETTACOLO

Apertura segreteria

Teatro San Lorenzo alle Colonne

C.so di Porta Ticinese 45, Milano

INFO & PRENOTAZIONI
direzione@kerkis.net
+39 342 5304844
 
UFFICIO STAMPA
ufficiostampa@kerkis.net
+39 349 3012323

Kerkìs.

Teatro Antico in Scena

P.IVA 08403430963

CON LA COLLABORAZIONE SCIENTIFICA DI

Kerkìs.

Teatro Antico in Scena

P.IVA 08403430963

© 2019 Kerkìs. Teatro antico in scena