RANE
di Aristofane

«Ho bisogno di un buon poeta. Non ce ne sono più e quelli che ci sono sono pessimi »

Un viaggio nell’oltretomba. Un dio, Dioniso, travestito da Eracle. Un servo, con un gran carico su un asino. Questi gli elementi iniziali di un viaggio avventuroso e ricco di colpi di scena, fatto di incontri con personaggi del mito, mostri multiformi e animali stravaganti, alla ricerca dell’unica risposta alla crisi che attanaglia Atene: salvare la città riportando tra i vivi il poeta capace di ridare vita al grande teatro. Finale a sorpresa. Dall’Atene del 405 a.C. un testo carico di riflessioni politiche, morali, poetiche, escatologiche, capace di parlare ancora, anche a un pubblico contemporaneo.

La commedia
Rane di Aristofane, prodotta dal Corso di Alta Formazione Teatro Antico In Scena dell’Università Cattolica nel maggio del 2014 e riallestita da Kerkίs nell’ottobre dello stesso anno, è uno degli spettacoli più rappresentati dall’Associazione. Nella pièce assumono particolare valore l’approfondimento dei caratteri comici – potenziati dalla recitazione in maschera –, la scelta scenografica frutto di un minuzioso studio artigianale e l’impatto visivo dei costumi dai colori vivaci e vibranti. Rane è stato ospitato in teatri e spazi culturali presso Milano, Monza e Como, inaugurando persino l’apertura del XVIII Festival VeliaTeatro presso il parco archeologico di Elea-Velia (Ascea, SA). Protagonista della vicenda è Dioniso, dio del teatro, che, nel tentativo di salvare Atene dal suo declino, intende ridare valore alla poesia e all’arte. Mancando alla città uomini di tale sorta, decide quindi di raggiungere l’Ade per riportare in vita il grande poeta Euripide. Accompagnato dal suo servo Xantia, il dio intraprende un lungo viaggio attraver- so l’oltretomba caratterizzato da imprevedibili incontri e situazioni straordinarie. 
Con
Rane Aristofane affronta la questione cruciale del ruolo politico della cultura e del teatro nella società, e lo fa con comicità e leggerezza, attraverso una metateatralità spontanea e vibrante. Il testo, ricco di tematiche attualissime, offre allo spettatore spunti di riflessione e solleva, oggi come allora, le medesime domande. Kerkís. Teatro Antico In Scena raccoglie la sfida proponendo una messinscena della commedia che diverte e sensibilizza e, senza snaturare Aristofane, riconosce in un grande dramma classico la trama del nostro stesso tessuto sociale.

Direzione drammaturgica | Elisabetta Matelli 
Direzione artistica e regia | Christian Poggioni 
Scene e costumi| Accademia di Belle Arti di Brera 
Musiche | Adriano Sangineto
Con | Giulia Quercioli, Federico Salvi, Simone Mauri, Stefano Rovelli, Giuseppe Passalacqua, Marta Banfi, Stefano Begalli, Mike Colturi, Federica Dagonese, Annachiara Fanelli, Laura Fois, Daniele Giacari, Matteo Magatti, Martina Mauri, Vincenzo Politano, Adriana Camerino

SCARICA LA SCHEDA TECNICA DELLO SPETTACOLO

Apertura segreteria

Teatro San Lorenzo alle Colonne

C.so di Porta Ticinese 45, Milano

INFO & PRENOTAZIONI
direzione@kerkis.net
+39 342 5304844
 
UFFICIO STAMPA
ufficiostampa@kerkis.net
+39 349 3012323

Kerkìs.

Teatro Antico in Scena

P.IVA 08403430963

CON LA COLLABORAZIONE SCIENTIFICA DI

Kerkìs.

Teatro Antico in Scena

P.IVA 08403430963

© 2019 Kerkìs. Teatro antico in scena